l’azienda di penne

Brioni apre un negozio a Londra

L’idea del nuovo creativo O’Shea per vendere abiti, pellicce e scarpe

PENNE. Dopo il successo ottenuto con la prima collezione firmata Justin O’Shea, Paris One, Brioni continua nella nuova idea di mercato tracciata dall’estroso creativo australiano.

L’azienda di alta sartoria vestina prosegue nelle vendite dei nuovi capi in modalità see now-buy now, vale a dire venduti attraverso appuntamenti privati il giorno seguente il défilé e disponibili nei flagship store del brand, sul sito Brioni.com e in selezionatissimi rivenditori internazionali. Il brand pennese gestito dalla holding francese Kering, a proposito di see now-buy now, ha aperto un pop up store al Dover Street Market di Londra. Nello store concept di circa 65 metri quadri, pensato dalla mente dietro a Commes de Garçons, Rei Kawakubo – saranno ospitati abiti, pellicce, pelletteria e scarpe della nuova collezione. Per una settimana, inoltre, nello store sarà anche possibile ordinare anche la collezione couture donna in esclusiva mondiale. La mano e le idee del creativo Justin O’Shea, a partire dalla scelta dei testimonial della sua prima collezione, il gruppo rock americano dei Metallica, di certo non passano inosservati. La speranza di tutti è che queste nuove scelte paghino nel breve e medio termine e portino ad un incremento delle commesse. Il piano industriale Brioni prevede una crescita delle vendite già dal prossimo anno. Nel 2018 da 31 mila capi venduti l’anno si dovrebbe salire a 38 mila. (f.bel.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA