Atri, sorpreso con la droga nascosta sul tetto

Arrestato (ai domiciliari) 30enne dopo una perquisizione, un etto di cocaina nella grondaia

ATRI. Un etto di droga sul tetto. E' quanto hanno trovato gli agenti del commissariato di Atri nel corso di una perquisizione in casa di un 30enne già conosciuto dalla polizia per altre questioni. L'uomo, Luigi Cantarini, di Atri, è stato arrestato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio ed è ora ai domiciliari. La perquisizione è scattata ieri mattina alle 10. Gli agenti hanno suonato alla porta di casa e hanno notato attraverso il vetro che, mentre aspettavano fuori dall'uscio, un uomo, identificato poi per Luigi Cantarini, si allontanava e poi tornava ad aprire il portone. Nel corso del controllo è stata  trovata una busta di cellophane trasparente contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, del peso di 102 grammi. L’involucro era all’interno della grondaia del tetto dell’abitazione, da dove si poteva accedere dal terrazzo della cucina. Inoltre, gli agenti sono andati a controllare anche un appartamento che Cantarini frequentava a Montesilvano e qui avrebbero trovato un bilancino di precisione nascosto tra alcune confezioni di biscotti in un armadio della cucina, insieme a 14 grammi di mannitolo, sostanza solitamente utilizzata per tagliare la droga.