Lilli è libero: «Non ho commesso illeciti» 

Il patron della Elle Emme Petroli di Oricola interrogato e scarcerato. Obbligo di dimora per l’autista campano arrestato

AVEZZANO. «Nessun coinvolgimento con la vicenda del carico di gasolio sequestrato dalla Finanza». Lo ha affermato, davanti al giudice, l’imprenditore Mauro Lilli. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di violazione delle leggi sulle accise. Il gip del tribunale di Avezzano, Carla Mastelli, lo ha scarcerato al termine dell'interrogatorio. Ieri mattina, il patron della Elle Emme Petroli srl si è presentato al tribunale di Avezzano insieme al suo legale, l’avvocato Antonio Milo, e durante l’interrogatorio ha respinto tutte le accuse. Per l’altro arrestato, un autotrasportatore partenopeo, è stato disposto l’obbligo di dimora. L’operazione è stata eseguita dalla Guardia di finanza di Roma. Secondo le Fiamme gialle, il carico di gasolio circolava irregolarmente, violando le leggi sulle accise. Questo avrebbe portato ai provvedimenti cautelari non solo nei confronti dell’uomo che trasportava il gasolio, ma anche del titolare dell’azienda a cui, secondo l’accusa, era destinato. Lilli ha risposto alle domande del gip sostenendo la sua estraneità ai fatti contestati.
«Siamo certi», ha dichiarato il suo legale, «di poter dimostrare la sua innocenza in tempi rapidissimi. Lilli è incensurato e siamo assolutamente convinti che presto verrà fatta piena luce sulla vicenda».
Secondo la ricostruzione, su cui gli inquirenti stanno mantenendo il più stretto riserbo, l’autotrasportatore campano, titolare di un’altra attività, sarebbe stato fermato e controllato dai finanzieri del terzo nucleo operativo metropolitano di Roma. Dopo gli accertamenti è scattato l’arresto per irregolarità nel campo della distribuzione di carburanti e della circolazione dei prodotti sottoposti ad accisa.
Da ciò il coinvolgimento di Lilli perché, secondo i finanzieri di Roma, quel gasolio era destinato proprio all’azienda petrolifera di Oricola. Circostanza respinta dalla difesa dell’imprenditore marsicano. Lilli, che si trovava agli arresti domiciliari nella sua villa di Carsoli, è tornato quindi libero con provvedimento del giudice che ha però convalidato l’arresto. L’autista, Pasquale Sannino, 55 anni, di Torre del Greco, è stato invece sottoposto a obbligo di dimora.
La Finanza ha anche eseguito il sequestro del mezzo e del prodotto petrolifero che stava trasportando, ma è stato già chiesto il dissequestro. La Elle Emme Petroli, presente sul mercato da oltre 30 anni, si occupa della produzione di energia combustibile destinata a gran parte del territorio nazionale: suoi clienti sono enti pubblici, aziende private, stazioni di erogazione carburanti, abitazioni.
©RIPRODUZIONE RISERVATA