X Factor, Casadilego passa il turno Fuori dal talent Blue Phelix e Vergo 

La talentuosa cantante di Montorio al Vomano interpreta Mamoud e sorprende ancora una volta Giudici divisi, Raton entusiasta: «In Italia quando avete sentito queste sonorità con questa voce?»

MONTORIO AL VOMANO. «È con gioia che vi comunico che rimarrò sull’Ics Factor per ancora sette giorni, contenti?» Con questo post sulla propria pagina Instagram Casadilego, la giovane cantante abruzzese concorrente al talent show di Sky “X factor” ha commentato il passaggio, nella puntata di giovedì scorso, senza ballottaggio del quarto live dello show.
Un “day after” pieno di emozioni per la diciassettenne di Montorio al Vomano Elisa Coclite, in arte Casadilego, che, come un treno senza fermate, si sta dirigendo verso la finalissima del 10 dicembre. Dall’audizione con la cover di Joni Mitchell, Elisa ha incantato i giudici – Emma Marrone, Manuel Agnelli, Mika ed Hell Raton che è anche suo giudice nella squadra “Under donne” - con il suo talento, la sua voce elegante e la sua innata capacità di interpretazione accendendo in ogni puntata lo studio di una luce magica.
Una serata che ha segnato il ritorno alla conduzione di Alessandro Cattelan dopo essere guarito dal Covid 19 che si è aperta con l’esibizione di un “figlio” di X factor, Leo Gassmann che dopo la vittoria alle nuove proposte al Festival di Sanremo 2020 è tornato a calcare il palcoscenico che ha consacrato il suo debutto nel mondo della musica con la sua “Mr Fonda” e che è proseguita con il medley di Elodie, raggiunta da Carl Brave per eseguire insieme "Parli Parli”. Una gara all’ultimo respiro che segna il giro di boa di questa edizione che si è svolta in due manche e che ha visto la doppia eliminazione di Blue Phelix della squadra di Emma e Vergo di Mika rimasti entrambi con un solo concorrente a squadra. Casadilego ha riproposto il suo inedito “Vittoria” che già conta oltre un milione di visualizzazioni su youtube ed è seconda nella classifica X factor di Spotify e "Rapide" di Mamhood ri-arrangiato da Tha Supreme. Ma la scelta di questo brano ha suscitato reazioni da parte dei giudici che hanno come sempre applaudito l’impeccabile performance di Elisa, ma hanno criticato le scelte canore di Raton. «Puoi cantare tutto, ma tu sei più ricca di così, secondo me stai andando lontanissimo da quello che sei», le ha detto Agnelli. «Mi manca vederla con la sua chitarra», ha confidato Emma. «Questa è una prova di quanto sia forte la sua voce, con tutta quella produzione intorno, spicca. Certo si deve trovare il sound, ma l’artista c’è», ha aggiunto Mika.
Raton ha, però, risposto per le rime. «In Italia quando avete sentito queste sonorità con questa voce?» Elisa non perde mai il sorriso. In lei è forte l’entusiasmo della bambina di due anni che dinanzi alla tv con uno spaghetto in mano a mo’ di bacchetta fingeva di dirigere l’ouverture del “Flauto magico” di Mozart. Sin da piccola, infatti, ha respirato musica con i genitori Massimiliano e Alessia, musicisti e docenti di conservatorio e con il suo insegnante Peppino Patriarca con il quale ha studiato pianoforte, violoncello e chitarra moderna. Una conoscenza a 360 gradi della musica, in una vita dedicata a essa. La giovane artista ha cantato in un coro di voci bianche, ha partecipato al film di Michele Placido “La scelta” e ha preso parte a due Opere: il Flauto magico di Mozart, come in un segno del destino dei suoi sogni da bambina e Tosca di Puccini. Elisa è da sempre accesa sostenitrice delle battaglie civili per l’affermazione dei diritti di libertà e ha cantato al primo matrimonio arcobaleno di Sulmona. È anche molto legata al suo paese, Montorio, dove partecipa attivamente a ogni iniziativa culturale. I suoi compaesani la sostengono in tutti i modi: il gruppo facebook"Casadilego files" ha già oltre 1.500 iscritti.
©RIPRODUZIONE RISERVATA