Contagiati uno studente e due infermiere 

Il ragazzo frequenta l’Artistico, in quarantena tutta la classe. Entra in funzione la macchina per l’esame rapido dei tamponi

SULMONA . Il virus entra in una scuola di Sulmona. Uno studente del Liceo Artistico è risultato positivo al Covid-19 dopo essere stato in contatto con un familiare già contagiato. Il giovane è asintomatico e in buone condizioni. L’Asl ha comunque attivato la sorveglianza attiva per l’intera classe e gli studenti dovranno restare a casa fino al termine della quarantena portata da 14 a 10 giorni. «Siamo venuti a conoscenza che un familiare del ragazzo fosse risultato positivo e ho subito predisposto la didattica a distanza per tutta la classe in attesa che lo studente facesse il tampone.
Oggi abbiamo saputo che il ragazzo è positivo, continuiamo con la didattica a distanza e attendiamo le indicazioni dell’Asl», spiega il dirigente scolastico Caterina Fantauzzi tenendo a sottolineare che il contagio non è da associare all’ambiente scolastico: vanno avanti regolarmente le lezioni. Intanto torna a salire il numero dei positivi nel Centro Abruzzo. Sono otto i casi accertati ieri in Valle Peligna. Nell’elenco dei nuovi positivi si sono aggiunte due infermiere del servizio di assistenza domiciliare integrata, residenti a Sulmona, rimaste contagiate da uno degli ultimi casi accertati. Un nuovo fronte delicato quello che si apre, che va a colpire la medicina territoriale, già in una situazione di drammatica carenza di personale e dall’Asl sperano che il nuovo filone resti relegato ai soli due casi.
Altri tre contagi riguardano Sulmona: la moglie del 38enne ricoverato domenica scorsa e una coppia di coniugi.
Un altro caso riguarda ancora Raiano dove un giovane legato sempre al contagiato in Francia è risultato positivo. L’ultimo caso interessa un residente a Scanno entrato in contatto con un contagiato a Roma, che aveva trascorso una breve vacanza a Scanno. Intanto un 70enne della Valle Subequana è stato portato all’ospedale di Sulmona, dove i sanitari hanno accertato una polmonite bilaterale. È stato fatto il test esaminato prima dal laboratorio analisi e poi mandato all’Aquila per la necessaria conferma.
Da ieri, inoltre, è attivo a Sulmona il macchinario per processare i tamponi. Per il momento solo 25 tamponi al giorno, perlopiù per urgenze o pazienti con sintomi Covid. La macchina accerta le negatività, mentre per gli eventuali positivi c’è bisogno di un passaggio ulteriore: il test sarà spedito nei laboratori accreditati di Teramo o L’Aquila per la conferma, visto che la rilevazione viene fatta solo per via nasale. Una procedura dunque più lunga per chi dovrà restare in attesa.
©RIPRODUZIONE RISERVATA