andrà dal mare a civitella

Pista sul Vibrata, lavori al via in primavera

VAL VIBRATA. Tutto pronto per il cantiere del primo lotto della pista ciclabile che risale il torrente Vibrata. «A fine mese firmeremo il contratto con la ditta aggiudicataria dei lavori ed a...

VAL VIBRATA. Tutto pronto per il cantiere del primo lotto della pista ciclabile che risale il torrente Vibrata. «A fine mese firmeremo il contratto con la ditta aggiudicataria dei lavori ed a primavera partiranno i lavori», ha preannunciato l’assessore regionale, Dino Pepe. I contenziosi relativi agli espropri dei terreni sono stati superati grazie anche alla mediazione del governatore D’Alfonso nella riunione di alcuni mesi fa. Dunque, fra un po’ aprirà il cantiere della pista ciclabile che risale il Vibrata e terminerà a Civitella del Tronto.

La giunta dell'Unione dei Comuni Val Vibrata aveva approvato prima della scorsa primavera il progetto definitivo del percorso turistico-culturale lungo il torrente Vibrata, rispettando il cronoprogramma che l’Unione aveva trasmesso alla Regione Abruzzo, al fine di appaltare l'opera entro il 30 giugno, ultima data utile per usufruire dei fondi europei. L'Unione dei Comuni, con un precedente atto di giunta, aveva istituito l'ufficio espropri per accelerare i tempi di attuazione delle procedure espropriative e scongiurare eventuali ritardi burocratici. Il cronoprogramma aveva previsto l'approvazione del progetto definitivo da parte del consiglio comunale di Alba Adriatica che era poi arrivato.

«La realizzazione del primo tratto della pista ciclabile permetterà di passare subito alla seconda fase sui tratti successivi, questa volta giocando d'anticipo, in modo da essere pronti con i progetti esecutivi, quando la Regione ci chiederà di dare corso alle fasi successive», aveva detto l’allora presidente dell’Unione di Comuni Leandro Pollastrelli. Della questione si sta occupando, su scala locale, il consigliere provinciale delegato alla viabilità, Mauro Scarpantonio. L’opera finanziata consentirà di arrivare fino al territorio di Corropoli. Poi bisognerà presentare il progetto definitivo-esecutivo del secondo lotto e la conclusione dell’iter non è dietro l’angolo. Ma un primo passo è stato compiuto considerando che l’Unione di Comuni stava per rischiare di perdere il finanziamento essendo stato l’ultimo macro ente abruzzese ad approvare il progetto esecutivo.

Alex De Palo

©RIPRODUZIONE RISERVATA