Traffico al casello di Pescara nord

ABRUZZO

Il ritorno dei Tir sulla Statale: troppi lavori sull'autostrada / VIDEO

Cantieri, rallentamenti e traffico sull'A14 spingono gli autotrasportatori a deviare e scegliere di percorrere la strada costiera dove di conseguenza vengono segnalati intasamenti ad incroci e svincoli

PESCARA. Troppi cantieri lungo l'autostrada, rallentamenti e code spingono autotrasportatori a optare per la vecchia e più sgombera Statale 16: anche per un discorso economico perché, a parità di tempi e di consumi, la vecchia strada non costa nulla, non ha pedaggio. E' quasi un ritorno al passato quello che si sta verificando in questi giorni lungo la costa alla riapertura dei lavori programmati in gallerie e viadotti  lungo l'A14. Ne sanno qualcosa i residenti dei comuni costieri, come Pineto, Silvi ma anche più a sud, da Fossacesia a Ortona fino a Francavilla e Montesilvano.

GUARDA IL VIDEO

Traffico sull'autostrada, la fila al casello è lenta ed interminabile
I problemi a Pescara nord/Città Sant'Angelo a seguito anche della decisione di molti Tir di uscire e di proseguire sulla Statale 16 (vido l.v.)

I mezzi pesanti sono tornati sulla Statale proprio come una ventina di anni fa quando in Abruzzo ci fu una sollevazione contro i "bisonti" sull'Adriatica quasi costretti, alla fine, a trasferirsi sull'autostrada.

Lunedì si sono verificati intasamenti al casello di Pescara nord/ Città Sant'Angelo. Ma problemi di traffico vengono segnalati lungo la Costa dei trabocchi dove, anche lì, sono aperti dei cantieri. Allo stesso tempo Autostrade per l'Italia, società concessionaria dell'A14, indica sul proprio sito rallentamenti tra Val di Sangro e Lanciano a causa del transito di un mezzo pesante, problemi di traffico tra i caselli di Pescara e Atri/Pineto in direzione Ancona e, proseguendo, tra Fermo e Pedaso.

leggi anche: Strade e autostrade chiuse, i cantieri sull'A14 / GUARDA DOVE E QUANDO I principali provvedimenti sulla viabilità. Prossima pausa dei lavori il 18 aprile sulla Bologna-Taranto

I sindaci dei comuni costieri stanno alzando la guardia. E davanti ai camion che intasano le strade che attraversano i centri cittadini (anziché percorrere l'autostrada con i cantieri e a pagamento) chiedono spiegazioni e si rivolgono a Regione e società concessionarie. “Ho iniziato anni fa le mie esperienze da sindaco da assessore e Presidente della Provincia di Chieti, sostenendo la battaglia assieme al compianto Pio Rapagnà di Roseto degli Abruzzi per dirottare il traffico pesante dalla Statale 16 sull’Autostrada A14 – ricorda il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio -. Ci riuscimmo ma oggi il problema, che sembrava definitivamente risolto, torna di attualità, vuoi per i lavori di manutenzione sulla A14, vuoi anche per la mancanza della terza corsia sul tratto abruzzese dell’autostrada adriatica, la cui realizzazione ho più volte richiesto da oltre venticinque anni". Di Giusepantoinio ha intenzione di chiedere un incontro con Regione, Anas e Autostrade per l’Italia:" Riportare il traffico pesante sull’autostrada eviterà la percorrenza di centri abitati, rumori e inquinamento”.