TODAY

19 GENNAIO

Oggi, ma nel 1963, in tutta Italia, il cantante Giuseppe Faiella, ossia “Peppino di Capri”, raggiungeva la vetta della classifica nazionale dei 45 giri con la versione in italiano, con testo di Alberico Gentili, di “Speedy Gonzales”. Era uscita, per l’etichetta discografica milanese Carish, il 12 gennaio precedente.

Peppino di Capri aveva provato la canzone già nell’edizione originale, in inglese, sempre insieme ai suoi Rockers, il complesso d’appoggio. Era una cumbia, ovvero un canto accompagnato da danza popolare colombiana, risalente all’epoca della conquista spagnola, avvenuta nel 1538. Era stata tratta dal tormentone, del 1961, di Buddy Kaye, Ethel Lee e David Hess, che era stato portato al successo dallo statunitense Charles “Pat” Boone, nel 1962.

La copertina del disco di Peppino di Capri (nella foto, particolare) riprendeva il personaggio, il topo col sombrero più veloce di tutto il Messico, dal grido «yepa, yepa, andale andale, arriba arriba, yepa yepa», dell’animazione Looney Tunes della Warner Bros. Quello che aveva debuttato nel 1953 in “Cat Tails for Two”, di Robert McKimson, ma poi era stato sviluppato nella grafica, nel 1955, da Friz Freleng e Hawley Pratt, in “Piè veloce Gonzales”.

Sull’altra facciata del disco c’era il pezzo “Medison time”. Già prima dell’interpretazione di Peppino di Capri l’esibizione canora di Boone aveva retto la vetta della selezione dei singoli del Belpaese per sette settimane chiudendo, il 31 dicembre 1962, la hit in quinta posizione. Il tormentone di Boone era stato cantato nella lingua di Dante Alighieri, nello stesso 1962, anche da Giorgio Guidi, ovvero “Johnny Dorelli”. Peppino di Capri, dal 1962 era il re tricolore del Twist, con l’omonimo ballo che era «come spegnere una sigaretta con i piedi e strofinare un'estremità con un asciugamano», con la versione italica di “Let’s Twist again”, di Chubby Checker, del 1961, che era stata in testa alla lista dei singoli più ascoltati d’Italia per due settimane, dal 24 febbraio 1962.

Poi era seguito il film musicarello “Twist, lolite e vitelloni”, diretto dal regista Marino Girolami, uscito nelle sale cinematografiche l’1 gennaio 1962, con, oltre allo stesso Peppino di Capri, anche gli attori Aldo Fabrizi, Laura Efrikian e Carlo Delle Piane. Ancora, c’era stato “St.Tropez Twist”, rilasciato il 26 maggio 1962, composto da Mario Cenci e dallo stesso Peppino di Capri, con “Daniela” sul b-side del vinile e, in copertina, la conturbante diciannovenne Raffaella Pelloni “Carrà” che ballava.