Giunta pronta, entra l’esperta dei conti 

Scelti i 9 assessori: a Della Penna, commercialista ed ex Confindustria, la delega al bilancio. In consiglio i primi 5 non eletti

CHIETI. La novità è la commercialista Tiziana Della Penna. È lei l’assessore al bilancio che ancora mancava alla giunta del sindaco Diego Ferrara. Della Penna è una commercialista e consulente del lavoro di Fara Filiorum Petri. Ad averla proposta al sindaco è stato il raggruppamento civico di Paolo De Cesare. Lo stesso De Cesare sarà vicesindaco con delega alla cultura, mentre Manuel Pantalone, sempre del polo civico, gestirà il commercio. Il Partito democratico sarà rappresentato in giunta dal più votato Stefano Rispoli, a cui dovrebbe andare un assessorato pesante come quello dei lavori pubblici, e dalla seconda più votata, Chiara Zappalorto, vicesegretario regionale del partito ed ex capogruppo consiliare, a cui dovrebbero andare le deleghe all’ambiente e alla cooperazione internazionale. La lista Chieti per Chieti avrà come proprio rappresentante in giunta la consigliera uscente Maria Teresa Giammarino, che si occuperà della pubblica istruzione. Il Movimento 5 stelle verrà rappresentato dal primo degli eletti, il medico Giancarlo Cascini, che proprio in base alle sue competenze dovrebbe gestire l’assessorato alla sanità. La Sinistra con Diego ha avanzato il nome di un assessore esterno, nella persona della docente universitaria di sociologia all’università d’Annunzio Mara Maretti, nome noto negli ambienti della sinistra teatina. E sempre dalla sinistra Ferrara ha deciso di prendere uno dei due assessori di nomina propria, scegliendo Enrico Raimondi, consigliere uscente – fratello del consigliere Edoardo Raimondi che è risultato primo degli eletti della lista La Sinistra con Diego – che, da avvocato, dovrebbe occuparsi della delega agli affari legali e anche di quella al personale. L’altro assessore del sindaco, oltre a Raimondi, è proprio la Della Penna, proposta da De Cesare.
Con la presenza della commercialista viene rispettata la presenza in giunta di almeno quattro donne, così come previsto dalla legge sulle quote rosa. La Della Penna ha ricoperto anche il ruolo di revisore dei conti. Proprio con questo incarico ha lavorato anche per Confindustria. Una esperienza che le sarà necessaria per mettere mano ai conti dell’ente, che viaggia con una anticipazione di cassa di oltre 6 milioni e mezzo di euro, come ha attestato il sindaco nella verifica di cassa fatta in settimana. Entro un mese, inoltre, il consiglio comunale dovrà affrontare poi due importanti questioni economico-finanziarie: la ratifica del prestito di 14,5 milioni chiesto a settembre dalla precedente giunta comunale a Cassa Depositi e Prestiti e l’approvazione del conto consuntivo 2019.
Ferrara dovrebbe mantenere alcune deleghe per sé. Tra queste anche una pesante come l’urbanistica, che intende affidare a uno dei consiglieri comunali a lui più vicini, visto che tra le promesse della campagna elettorale c’è anche quella di fare un nuovo piano regolatore generale.
L’esecutivo verrà presentato ufficialmente oggi alle 11.30 nel corso di una conferenza stampa che si terrà alla delegazione comunale dello Scalo. Con la nomina della giunta verrà modificato anche il consiglio, la cui presidenza andrà a Luigi Febo, il più votato del centrosinistra. Per il Pd entreranno in consiglio comunale il segretario cittadino e consigliere uscente Filippo Di Giovanni e Pietro Iacobitti esponente del mondo della cooperazione. Per Chieti per Chieti entra la giovane Giulia De Gregorio Porta, nipote del sindaco Ferrara. Per il polo De Cesare siederanno in consiglio Valerio Giannini e Giovanni Desiderio. Fatte le surroghe, da statuto il primo consiglio comunale deve essere convocato dal sindaco entro lunedì prossimo e dovrà tenersi entro altri 10 giorni dalla convocazione, cioè entro il 29.